ITINERARI E METE

La rinascita di Brooklyn parte da qui! Vieni a vedere perché...

06 ottobre 2011

Ad una sola fermata di metropolitana da Manhattan, Williamsburg è un mondo a parte. Mecca degli artisti e dei giovani creativi in fuga da Soho e Chelsea, in una manciata di strade silenziose raduna boutique vintage, laboratori d'antiquariato e locali colorati e informali. Il tutto, oltre il ponte!

Foto: Ivan Lattuada

Precedenti Successivi

Fermata Bedfort Avenue

1/5

Ad una sola fermata da Manhattan, sulla linea L allo stop Bedford Avenue, il mondo sembra aver fatto un balzo all'indietro. Siamo a Williamsburg, il quartiere bohémienne per eccellenza, molla scatenante dell'inarrestabile cavalcata di Brooklyn.

Se la creatività, per esprimersi, ha bisogno di spazio, complice la pressione immobiliare che dalla fine degli Anni Ottanta ha decretato l'esclusività di quartieri come Soho e Chelsea, al di là del ponte gli ex spazi industriali aspettavano solo qualche spruzzata di colore e un'iniezione di giovani sognatori.

Cuore della nuova vita "branché" del quartiere, le arterie Badford e Wythe Avenue, punteggiate di bancarelle d'antiquariato, merce usata, curiosità e vestiti di seconda mano. Per le strade si dividono la scena skater, studenti universitari cresciuti a pane e contro cultura, tipi vintage, coppie radical chic e qualche artista in cerca di fortuna.

Multiculturale, multietnico e multicolor
, Williamsburg è senz'altro una tappa da aggiungere al carnet dei luoghi da visitare assolutamente a New York. Quando? Direi sempre, ma in particolar modo il week-end, con i mercatini delle pulci che invadono le strade e i newyorchesi che si scomodano fin qui per i suoi locali notturni (più intimi ed economici che a Manhattan) e l'assenza (quasi) di traffico sulle strade.

    Condividi:
    • Twitter
    • Facebook
    • Delicious
    RISULTATI

    INTERESSANTI IN RETE

      Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
      Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).