Passa 365 notti in un albergo diverso per raccontare la sua Amsterdam

16 marzo 2011 
<p>Passa 365 notti in un albergo diverso per raccontare la sua
Amsterdam</p>

Il lifestyle-trendwatcher olandese Vincent van Dijk ha pernottato per tutto il 2010, ogni notte, in un albergo diverso di Amsterdam per realizzare il suo progetto "Amsterdam Slaapt" (Amsterdam dorme). In una città che conta circa 350 hotel, dagli alberghi di lusso a 5 stelle ai basic budgethotels, Vincent van Dijk commenta e scrive delle sue esperienze vissute nei diversi hotel. Nessuna vera e propria recensione ma storie sulla vita vissuta negli hotel di Amsterdam, su come ci si sente a non avere una fissa dimora e a vivere da turista nella propria città.

Le esperienze nei vari alberghi vengono pubblicate quotidianamente sul seguitissimo blog amsterdamslaapt.nl. Con lo stesso nome uscirà quest'anno in giugno un libro che risponderà alle domanda se e come dorme Amsterdam. Il libro verrà pubblicato in lingua inglese e in olandese. Dedicato a chi vuole scegliere con ponderatezza un albergo, ma anche per una lettura simpatica, Amsterdam Slaapt non è solamente una interessante ricerca sugli hotel e sulla vita di Amsterdam, è anche un punto di vista su un nuovo modo di vivere.

Per realizzare questo progetto Vincent van Dijk, infatti, ha dovuto lasciare il suo appartamento a Den Haag (L'Aja) e tutti i suoi averi per vivere perennemente con una valigia. La sua unica base è la sua agenzia di pubblicità ubicata all'aeroporto di Schiphol. La sua genialità, inoltre, ha portato grandi brand quali Ermenegildo Zegna e Dell a sponsorizzare la sua esperienza.

Ma perché ha iniziato a fare ciò? Vincent van Dijk è sempre stato un trendwatcher nel campo del food e del lifestyle, co-proprietario dell'agenzia HBMEO. In cerca di una casa nella capitale e preoccupato dagli affitti troppo alti, ha iniziato a dormire in alberghi di bassa categoria e raccontare la sua esperienza nel blog, fino all'idea geniale del racconto seriale. Da 7 anni, poi, Vincent mangia ogni giorno in un ristorante diverso per redarre la guida di ristoranti SpecialBite e adempire al suo prossimo progetto, una sua personale guida sul food di Amsterdam.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).