Tra cinema e moda il "viaggio" di Nicoletta Ceccolini

04 aprile 2011 
<p>Tra cinema e moda il "viaggio" di Nicoletta Ceccolini</p>

Dal diploma all'Istituto Marangoni di Milano alla carriera di costumista per la televisione, il cinema e il teatro, Nicoletta Ceccolini lancia la sua sfida personale nel mondo della moda. Nel cuore di Milano nasce Co Co: due spazi distinti, ma legati da un unico fil rouge - la passione per i costumi di scena, il viaggio e il grande schermo - tutti da scoprire e da curiosare.

Co Co Costumi, in via Giannone 4, è uno spazio onirico dove ammirare abiti originali dai primi del '900 ad oggi, una sorta di backstage dove professionisti dello spettacolo e non possono noleggiare abiti, accessori, scarpe e bijoux per eventi di gala e serate vintage.

Il secondo spazio, in via Varese 4, presenta la linea di moda firmata Co Co, una novità assoluta e originale nel campo del fashion milanese. Per la Primavera Estate 2011 l'ispirazione è il colore e la fantasia che, per i suoi look, s'ispira ai grandi capolavori del cinema italiano e non solo. Cappelli a tesa larga, raffinati costumi interi sui toni del tortora e del prugna, morbidi parei e comode zeppe scamosciate per sognare la Sardegna selvaggia del film "Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto" (Lina Wertmuller, 1974).

Il viaggio continua nel deserto-chic della pellicola "Il paziente inglese" (Anthony Minghella, 1996), con ampi pantaloni beige a righe sottili, fresche camicie bianche di cotone con bande laterali elasticizzate, giubbini scamosciati leggeri e ai piedi solo ciabattine infradito con decorazioni a foglia. Sognando l'America, ecco le spiagge di Miami di "A qualcuno piace caldo" (Billy Wilder, 1959), dove ci si sbizzarrisce con larghi pantaloni bianchi impreziositi da ricercatissimi passanti fiorati, maglie a righe bianche blu, ballerine ultrapiatte con la fodera alla marinara.

Un tocco di ironia, poi, con il look da piscina di "Hollywood Party" (Blake Edwards, 1968) con pantaloni essenziali in viscosa rosso corallo e maglie multicolore lavorate ad intreccio. Ultima tappa il romanzo di Ernest Hemingway "Il Vecchio e il Mare", dove trionfano lcomode camicie di lino e rudi pantaloni chiusi da cinture a corda. Al di là delle tendenze del momento, Nicoletta esalta il lavoro di selezionati laboratori artigianali, senza rinunciare all'attenzione sartoriale, qualità dei tessuti e alla cura dei dettagli. A un prezzo cucito su misura!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).