Vacanze, oltre due milioni di turisti in meno a luglio

01 agosto 2011 
<p>Vacanze, oltre due milioni di turisti in meno a luglio</p>

La crisi e le condizioni meteo, non certo estive, sono costate oltre 2 milioni di presenze in meno sulle spiagge italiane nel mese di luglio che si è appena chiuso. Le più colpite sono state le coste della Liguria, dove si è registrato un calo del 25% delle persone, ma anche Lazio e Toscana sono state messe a dura prova dalla micidiale e negativa accoppiata.

Questo il triste bilancio stilato dal presidente del Sib (Sindacato Italiano Balneari), Riccardo Borgo, che teme ora di veder compromessa l'intera stagione turistica, a meno di un miracolo agostano, francamente difficile da pronosticare.

«Nel mese di luglio abbiamo registrato la mancanza di oltre 2 milioni di turisti sulle nostre spiagge rispetto al 2010 - ha spiegato Borgo - e il danno economico è enorme, perché anche i consumi si sono ridotti di oltre il 35%.

Fra le cause, il maltempo che ha abbassato le temperature e, ovviamente, la crisi economica. Muoversi costa e questo ha avuto ripercussioni soprattutto sui cosiddetti bagnanti del weekend, mentre la maggior parte dei turisti è oggi costretta a fare delle scelte e quindi a decidere se - per esempio - prendere lettino e ombrellone o fermarsi a mangiare una pizza in spiaggia».

Logico, dunque, che i clienti migliori in questo senso siano le famiglie con bambini, «perché - spiega ancora Borgo - per un genitore è sempre difficile dire no ai capricci del figlio, quando finalmente trascorre con lui molte ore della giornata».

Tralasciando l'impatto non esattamente educativo di un simile comportamento genitoriale su qualunque figlio, la buona notizia è però rappresentata dalla massiccia presenza straniera sulle nostre spiagge. Un dato per tutti: in Versilia nel 2011 le presenze sono aumentate anche del 15%, in controtendenza rispetto agli anni passati.

A farla da padrone sulle nostre spiagge, sempre a detta del Sib, sarebbero i russi, «che si stanno diffondendo a macchia d'olio e chiedono un'offerta sempre più alta ai nostri stabilimenti».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
arianna 64 mesi fa

BHE DOPO QUESTI DATI ,CONSIGLIEREI AL SIG.BORGO DI FARE IN MODO CHE I PREZZI ,IN LUGURIA SCENDANO UN PO!PERCHè IN EFFETTI è CARA LA VACANZA LI DA LORO......CONTANDO CHE IN VENETOVICINO A VENEZIA CON PENSIONE COMPLETA,PISCINA E POSTO AUTO IN HOTEL E SPIAGGIA PAGATA,A TESTA AL GIORNO SONO 83 EURO,CONTRO LE 90 DELLA LIGURIA DORMIRE E PRIMA COLAZIONE(CHIARO NON IN TUTTI GLI HOTEL,MA LA MAGGIOR PARTE,I PREZZI SONO COSì)ANDIAMO INCONTRO AL CLIENTE ,NON IL CONTRARIO...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).