La Qantas licenzia il (finto) pilota John Travolta

05 agosto 2011 
<p>La Qantas licenzia il (finto) pilota John Travolta</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

John Travolta ha perso l'aereo. Ma potrà comunque consolarsi con il suo velivolo privato, dove vestirà i panni del capitano senza che nessuno abbia a che ridire. Rapido riassunto dei fatti: cinque mesi fa, la Qantas aveva ingaggiato l'attore affinchè registrasse un video di benvenuto di tre minuti dove presentava l'equipaggio di un volo, garantendo in prima persona sulla preparazione di pilota e assistenti, forte della sua esperienza personale (Travolta possiede un vecchio Boeing 707 Qantas, che pilota personalmente).

Ma a dar retta al Daily Mirror, la Qantas avrebbe deciso di sospendere il servizio dell'hollywoodiano testimonial che, all'epoca dell'ingaggio, venne immediatamente (e un tantino perfidamente) ribattezzato guru della sicurezza da parte della stampa. «E' il vostro capitano che vi parla», diceva l'attore nelle immagini introduttive, prima di aggiunge un ironico «beh, forse non oggi…» e concludere il messaggio spiegando di volare da oltre 40 anni e che, proprio per questo, «vi posso garantire che non c'è nessuno che preferirei avere ai controlli come un pilota Qantas».

Stando a quanto riporta il tabloid, pare che non tutto il personale di bordo della compagnia australiana fosse poi così entusiasta della scelta di ingaggiare il 57enne protagonista di Grease ed erano in molti a sostenere che il suo posto di guru della sicurezza dovesse essere ricoperto da un pilota vero, magari uno come il capitano Richard de Crespigny, che ha avuto il merito di salvare 466 persone su un volo da Singapore.

Ma alla Qantas insistono nel dire che quello del video era solo un servizio temporaneo e che il signor Travolta «resta sempre un grande ambasciatore della Qantas». Ma senza più competenze in materia di sicurezza.

 

 

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).