A spasso fra i tetti di New York

17 agosto 2011 
<p>A spasso fra i tetti di New York</p>

Visitare New York è sempre un'esperienza indimenticabile. Per chi avesse progettato un viaggio nella Grande Mela e volesse aggiungere qualcosa di nuovo, quest'estate suggeriamo una passeggiata un po' particolare: sulla High Line, tra edifici storici e magazzini con viste uniche della città e dei suoi più famosi landmark, come il Chrysler Building, l'Empire State Building e il New Yorker Hotel.

La High Line è il percorso pedonale nato dalla conversione a parco pubblico della linea ferroviaria che fino agli anni 80 serviva West Manhattan. Dopo l'apertura del 2009, lo scorso mese di giugno il sindaco Bloomberg ha inaugurato la seconda sezione del percorso che si snoda per 1,6 chilometri da Gansevoort Street fino a West 30th Street, per passeggiate a nove metri di altezza fra il Meatpacking District, West Chelsea e Midtown West.

Questa gita è un nuovo tipo di esperienza urbana che integra sapientemente un percorso pedonale in cemento, sedute in legno e vegetazione originaria, mantenendo elementi caratteristici della vecchia linea ferroviaria come i binari e le bellissime ringhiere Art Deco.

In occasione dell'apertura della nuova sezione, l'associazione Friends of the High Line (nata con lo scopo di recuperare lo spazio della linea ferroviaria e trasformarla in un parco pubblico) ha commissionato quattro nuove installazioni pubbliche e organizzato più di 100 eventi gratuiti o a prezzi simbolici per l'estate 2011, tra spettacoli di danza, poesia, workshop per tutta la famiglia, programmi per i bambini, lezioni di salsa, proiezioni cinematografiche, bar all'aria aperta e bancarelle di street food.

Un'occasione questa per assaporare il gusto del vivere newyorkese. Qualcosa di davvero speciale.

Info

www.thehighline.org
www.nycgo.com
www.facebook.com/nycgo.it

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).