Dalla parte della carta di credito

16 settembre 2011 
<p>Dalla parte della carta di credito</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

«A Londra c'è tutto ciò che questa vita possa offrire», ripeteva Samuel Johnson, uno dei più importanti intellettuali inglesi del Settecento.

E in effetti, se l'Europa fosse una nazione, Londra sarebbe indubbiamente la sua capitale. Luogo di cultura e meta di shopping, il cuore pulsante del Regno Unito ha un solo piccolo difetto: non è famosa per essere una città economica.

Per fortuna, però, non ci sono soltanto Oxford Street e Piccadilly Circus: se volete trascorrere un week-end (ma pure tutta la settimana) a Londra, non è difficile trovare una soluzione per dormire, mangiare e fare shopping senza mettere a dura prova la carta di credito.

Cominciamo dal volo. Sul SkyScanner.it potete scegliere quello più economico confrontando le proposte di diverse compagnie aeree. La più utilizzata è Ryanair, che però - attenzione! - applica regole molto rigide sul peso e sulla dimensione dei bagagli.

Contrariamente a quanto si pensi, non è impossibile trovare a Londra un hotel a buon prezzo. Ecco qualche indirizzo utile: il Twenty Nevern Square Hotel offre una camera e una colazione superabbondante a partire da 80 sterline a notte. La stazione metro più vicina è Earls Court (linee District e Piccadilly).

Da prenotare con grande anticipo - l'hotel è spesso pieno - l'Hoxton che ha un ottimo rapporto qualità-prezzo. Non male pure The Euro Hotel (53 Cartwright Gardens, Londra WC1H 9EL) e la Russel House (11 Bernard str Russel Square), molto semplice ed economico. Il vantaggio? È in una delle zone più belle di Londra, a fianco alla stazione della metro (Russel Square), è non lontano dal British Museum.

Se partite in gruppo, potete sempre affittare un appartamento (o swappare il vostro): date un occhio a questo sito. La soluzione più facile? Il couchsurfing: l'ideale se viaggiate senza compagnia - e poi è a costo zero.

Una volta arrivate in città, per spostarvi conviene fare (anche online) la Visitor Oyster Card (da 10 a 30 sterline): è una tessera elettronica prepagata con la quale si può viaggiare su tutta la rete metropolitana, i bus, i tram e anche qualche treno locale per una gita fuori porta.

Per mangiare, invece, consigliamo di scegliere la cucina etnica: la soluzione giusta per non spendere tutto il budget a un tavolo di ristorante o per evitare di fare una vacanza a base di fast food.  Per le appassionate di cucina indiana l'indirizzo giusto è il Maharani Soho (77 Berwick Street) nel quartiere di Soho, mentre per chi ama la cucina fusion orientale la meta ideale è l'Inamo restaurant in Wardour Street (sempre a Soho). Un altro paio di buoni indirizzi: il Moro Restaurant - ottime le sue tapas - (34 - 36 Exmouth Market London) e il Comptoir Libanais: un caffè libanese davvero molto grazioso.

Se, però, volete un piatto very british, nella zona di Covent Garden c'è il Porters (si spendono intorno alle 20/30 sterline), mentre uno dei migliori fish&chips di Londra è il Golden Hind (73 Marylebone Lane, W1U 2PN, Bond Street) che prende il nome dall'omonimo galeone inglese. Sempre a Soho (Oxford Circus) c'è il The Chippy, The Golden Union Fish Bar (38 Poland Street, Soho, W1F 7LY): locale semplice ma frittura ottima (£6.95).

Consigliatissimi anche i ristoranti nei pressi dei mercatini più famosi di Londra come il Camden Passage Market (fermata di Camden Town) conosciuto come il mercatino del vintage (qui potete trovare vestiti degli anni Venti e anche negoziare il prezzo), ma frequentatissimo da punk e da gente molto alternativa. Insomma, è un posto davvero particolare dove vale la pena passare un po' di tempo e fermarsi a mangiare.

Per una pinta di birra l'indirizzo giusto è il Camden Head, mentre, sempre in Camden High Street, c'è il Blues Kitchen, che fa musica tutte le sere e ha un'ottima cucina (la pila di pancake la mattina e il sandwich Po' Boy sono i pezzi forti).

La tappa domenicale, invece, è il mercatino di Brick Lane (imperdibile), con una sosta al Cafe 1001 per un hamburger (la domenica c'è il barbecue all'aperto) o un donut. Sempre la domenica è da vedere il Columbia Road Flower Market, il mercato dei fiori di Londra, che colpisce molto per i suoi colori. Si trova nel cuore dell'East End, in Columbia Road (appunto).

Infine prendete la metro (ma prima controllate le chiusure, qui), fermatevi a Liverpool Street e raggiungete  il mercato di Spitalfields: rispetto agli altri è meno affollato, e quindi è più facile spuntare un prezzo buono per qualsiasi cosa vogliate comprare, cibo incluso.

 

(E se ti è rimasto in tasca qualcosa per lo shopping, consulta la mappa degli outlet di Londra!)

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).