Il gusto del posto: la ricetta di Nicola Fossaceca

23 maggio 2011 
<p>Il gusto del posto: la ricetta di Nicola Fossaceca</p>

Torna a ABRUZZO

 

Aceto fatto in casa e zafferano Dop dell'Aquila. Quando non c'era il frigorifero, era in questa salamoia, lo scapece, che si conservava il pesce, fino anche a un paio di mesi. È un'eredità che ci hanno lasciato gli Aragonesi, e non a caso è una tradizione diffusa dalle coste pugliesi fino alla Spagna. Solo che qui lo scapece è aromatizzato con lo zafferano. Il profumo del pesce intinto e insaporito di giallo appartiene ai miei ricordi d'infanzia: nelle sagre paesane si aggirano maestri scapeciari con banchetti carichi di fritture. Nella mia rielaborazione ho voluto dare croccantezza al pesce, friggendolo al momento e mettendo lo zafferano direttamente nella pastella. Per una maggiore freschezza, lo accompagno con un'insalatina di erbe di stagione e salsa di olio extravergine d'oliva, aceto e miele. Un piatto storico, dove l'aceto è meno presente rispetto alla ricetta originale.

 

Al Metrò via Magellano 35, San Salvo Marina (Ch), tel. 0873 803428, menu degustazione 45-60 €.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).