L'Aquila vale 99 visite

09 maggio 2011 
<p>L'Aquila vale 99 visite</p>

Torna a ABRUZZO

ALESSIA FABIANI attrice
Nata a L'Aquila, 34 anni, è laureata in Scienze dei Beni Culturali. Lavora in teatro, cinema e televisione.

« L'Abruzzo per me significa tornare a casa, la culla delle mie radici. Purtroppo dal 6 aprile 2009 il capoluogo è stato distrutto dal sisma e tanti luoghi a me cari sono inaccessibili. Sono riuscita a rivederne alcuni, e consiglio di visitarli, perché L'Aquila è una città che più che mai ha bisogno di essere frequentata. Tutta la regione merita: montagne, mare, coste bellissime, profumi».

IL NOSTRO CUORE «A L'Aquila, splendida la piazza del Duomo, il poderoso Castello Cinquecentesco, la Scalinata di San Bernardino, la Basilica di Collemaggio, con la sua porta santa. E la fontana delle 99 cannelle che simboleggia la fondazione della città attorno ai suoi 99 quartieri, rappresentati da 99 mascheroni tutti diversi. 99 è il nostro numero: la leggenda racconta che una federazione di 99 castelli abbia costruito L'Aquila, e che ognuno pretese di avere la propria piazza con tanto di chiesa e fontana».

IL GINNASIO «I Portici del liceo classico dove mi sono diplomata. Allora era nella biblioteca Salvatore Tommasi. Se guardo quel portone, rivedo tutta la mia vita: i compagni, gli amici, i primi amori».

PIZZA ALTA «Con grandi sacrifici Marzia Buzzanca ha ripreso la sua attività, Percorsi di gusto nel centro storico, e fa la pizza con il lievito madre che la rende alta e croccante. Io prendo spesso la Margherita, ma ci sono varianti con scamorza affumicata, alici, patate, pepe e pan grattato o con mozzarella, zafferano dell'Aquila, ricotta marrucina e lardo di Colonnata. Tutte con farine bio e prodotti del territorio».

L'APERITIVO «Da Arnold's dal mio amico Adolfo che, dopo il terremoto, ha riaperto fuori dal centro storico e fa un ottimo Vodkatini, il Vodka Martini».

BOTTA DI VITA «Per una piega e un taglio matto, c'è Alberico D'Alessandro, hair stylist di rara sensibilità, instancabile nella ricerca di nuove tendenze».

MONTAGNE «Il Gran Sasso, la piana delle Rocche con la pista Brecciara tra Rocca di Cambio e Rocca di Mezzo. Tutto parla d'Abruzzo: i portoni, i sanpietrini. E Pescasseroli, dove si scia e si mangia da paura: abbacchio, lasagne, fettuccine... Da Cicittu, Plistia, la cucina è casalinga e a km zero».

IL PARCO NAZIONALE «Partite da Villetta Barrea. Arroccato su uno sperone, il borgo medievale si affaccia su un lago artificiale e su un anfiteatro di montagne bellissime come il monte Amaro, il monte Marsicano, la montagna di Godi».

SPIAGGE PROFUMATE «Dieci chilometri di sabbia finissima, grande gentilezza: è Roseto degli Abruzzi, detto "la spiaggia fiorita" con piante di oleandri, pitosfori e rose. Una volta arrivati lì, non perdete una visita all'ulivo secolare: tra Cologna spiaggia e Roseto, lungo l'Adriatica, c'è un immenso albero di 500 anni».

GLI INDIRIZZI DI ALESSIA

Museo Nazionale d'Abruzzo viale Benedetto Croce
Santa Maria di Collemaggio
piazza di Collemaggio
Fontana delle 99 cannelle località Rivera
Biblioteca tommasiana piazza Palazzo
Pizzeria Percorsi di gusto via Leosini 7
Arnold's
via Ulisse Nurzia 4, loc. Boschetto di Pile
Hair stylist & make up artist via Corrado IV 86
Centro Turistico Gran Sasso
loc. Fonte Cerreto, Assergi
Ristorante Plistia
via Principe di Napoli 28, Pescasseroli

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).