La Miami de noantri

09 maggio 2011 
<p>La Miami de noantri</p>
PHOTO FABIO LOVINO -

Torna a LAZIO

LUCA BARBAROSSA cantautore
Nato a Roma 50 anni fa, da oltre un anno conduce Radio2 Social Club, su Rai Radio2. Sposato con Ingrid Salvat, ha tre figli e un grande amore: la chitarra.

« Il Lazio è una regione strategica: noi non siamo né del nord né del sud, siamo veramente di centro. Quando ci fa comodo siamo mediterranei, latini; quando invece non ci conviene siamo quasi settentrionali. È una bella regione dove io mi muovo bene. Ho tre figli, quindi apprezzo la grande facilità con cui posso raggiungere il mare - io vado a San Felice Circeo, a Sabaudia - o la campagna - interessantissima tutta la zona della Tuscia, di Viterbo - per qualche gita».

GIOIELLI NATURALI «Le isole Pontine sono delle vere perle. Amo molto la natura e Ponza è un posto dove non si può non essere stati: è un'isola meravigliosa, dove si mangia una cucina mediterranea eccellente. Enzo è un posto incredibile, nascosto nelle rocce: ti vengono a prendere con il barchino o il gommoncino perché non è raggiungibile via terra, ci si arrampica alla luce delle torce e ci si sente i padroni dell'isola. L'isola di Palmarola è una riserva naturale, stupenda, poetica con tramonti indimenticabili. C'è un mare degno della Sardegna con bellissimi fondali».

L'ANIMA «Roma è davvero eterna: un mondo infinito da esplorare, un museo a cielo aperto dove, anch'io che ci sono nato, scopro qualcosa di nuovo ogni giorno. Il mio luogo dell'anima è piazza Navona: io ho cominciato come artista di strada e la sera, specialmente d'estate, andavo a cantare lì insieme a Mario Amici che ancora oggi suona con me. Piazza Navona era il posto dove ci si incontrava, il luogo di ritrovo per eccellenza degli anni Settanta: c'era un'atmosfera magica».

INASPETTATA TRANQUILLITÀ «In pieno centro di Roma è possibile fare una passeggiata romantica in quasi totale solitudine. Luoghi stupendi come Campo de' Fiori, il Pantheon o piazza di Spagna sono pieni di gente ventiquattr'ore al giorno ma, per trovare un angolo di serenità, basta andare al Campidoglio. L'assenza di bar e ristoranti assicura una privacy sentimentale senza uguali. Di giorno la sede del comune è ovviamente frequentatissima, ma di notte è bellissimo camminare per la piazza disegnata da Michelangelo, sotto l'occhio vigile di Marco Aurelio a cavallo».

MIAMI «Ho sempre trovato molto divertente andare a Ostia, una sorta di Miami de noantri, una gita casareccia, una meta facilissima da raggiungere tutto l'anno. Anche fuori stagione, se è una bella giornata, qui ci si può concedere una parentesi di sana attività fisica: i miei fi gli fanno skateboard in un attrezzatissimo e grandissimo parco godendosi il sole e la brezza marina. C'è un porto turistico meraviglioso, nuovo di zecca, si può andare in bicicletta, correre, camminare, giocare a beach volley, praticare insomma ogni genere di sport. Ostia è molto ben strutturata per accogliere chi si sente un po' oppresso dalla città e ha voglia di staccare e sgranchirsi un po' le gambe».

IL PIACERE DELLA TAVOLA «Si sa, i Castelli Romani sono la classica meta della gita fuori porta. Ma non posso non consigliare di andarci: ovviamente per mangiare bene e bere ancora meglio. Un posto storico è Cacciani a Frascati: da ottant'anni propone la sua ottima cucina laziale, regalando anche una vista panoramica sui colli Albani. Ormai è difficilissimo trovare la cucina romana più autentica, ma se volete andare sul sicuro, scegliete Settimio al Pellegrino, che ancora oggi difende benissimo i colori e i sapori della tradizione capitolina. Un altro indirizzo imperdibile è a San Cesareo, dove, all'Osteria di San Cesario, Anna cucina i piatti più buoni del mondo: dalle fettuccine all'abbacchio, lei è una vera maestra, fa tutto ottimo».

PURA POESIA «Da aprile a ottobre, chi ama la natura non può perdersi il Giardino di Ninfa, storico spazio verde all'inglese che si visita solo su appuntamento per non turbare il delicato equilibrio. L'oasi ospita migliaia di piante (meli, ciliegi, magnolie, ninfee, faggi, ortensie, cedri e altre specie rarissime) provenienti da tutto il mondo e le rovine di una città medievale».

FUORI DAI SOLITI GIRI «Tolfa è un posto incredibile: ha una campagna stupenda che non ha niente da invidiare ai livelli altissimi della Toscana e dell'Umbria. Se lasci la costa e, da Civitavecchia, cominci a procedere verso l'interno, scopri un mondo di una bellezza incontaminata: una campagna molto mossa, mai noiosa, ricca di castagneti. Il fatto di essere fuori dagli itinerari turistici ha contribuito a preservare questa zona che si scopre soltanto decidendo di andarci di proposito».

GLI INDIRIZZI DI LUCA

RISTORANTE SOLO A VELA DA ENZO spiaggia di frontone, Ponza, Latina
THE SPOT SKATEPARK
via D. Baffigo 143, Ostia Lido di Ponente, Roma
RISTORANTE CACCIANI via A. Diaz 13, Frascati
RISTORANTE SETTIMIO AL PELLEGRINO via del Pellegrino 117, Roma
OSTERIA DI SAN CESARIO
Via F. Corridoni 60 San Cesareo, Roma
MONUMENTO NATURALE GIARDINO DI NINFA
Doganella di Ninfa, Latina

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).