A cena con Buffalo Bill

08 aprile 2011 
<p>A cena con Buffalo Bill</p>

Torna a LOMBARDIA

GIANNI BIONDILLO, scrittore.
Milanese, 45 anni, è autore di saggi, romanzi, testi per cinema e tv. L'ultimo suo libroreportage è Tangenziali. Due viandanti ai bordi della città (2010, Guanda).

 

«Per me la Torre Velasca è un vero capolavoro: è modernissima, ma riecheggia l'idea delle torri medievali. È una sorta di omaggio al passato della città. Il punto migliore per guardarla? Da sotto, nell'omonima piazza: se ne coglie tutta la verticalità.Un altro luogo che mi incanta è la parrocchia cristiano-ortodossa di San Nicola (via San Gregorio 5) nelle celle dell'ex lazzaretto. Non la conosce quasi nessuno, ma è la più piccola cattedrale d'Europa: una fettina di un mondo scomparso.

Un po' come, in modo diverso, la trattoria California, in zona Niguarda (via Ornato 122,tel. 02 6426061; 8 € a pranzo, 9 € la sera con quartino di vino e caffè): di trattorie tradizionali che cucinano brasato e polenta o orecchia d'elefante, ce ne sono tante, nonostante la prevalenza di ristoranti fusion, ma questa è una chicca. Verso mezzogiorno incontri solo muratori e camionisti, poi, un po' più tardi, arrivano anche gli impiegati. Il cibo è ottimo, il prezzo (basso) fisso e il bottiglione di vino passa di tavolo in tavolo. La leggenda narra che quando Buffalo Bill portò il suo spettacolo di cowboy a Milano a inizio Novecento, sia venuto a mangiare qui».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).