Casale Monferrato (AL)

11 aprile 2011 
<p>Casale Monferrato (AL)</p>

Torna a PIEMONTE

Nel cuore del vecchio ghetto ebraico, dietro a una facciata quasi anonima, in vicolo Salomone Olper 44, c'è una delle più belle sinagoghe d'Europa, decorata con stucchi dorati. Venne costruita nel 1595 e restaurata a metà dell'Ottocento: il matroneo ospita il Museo d'Arte e Storia antica ebraica con la ricchissima collezione di arredi e oggetti legati alla Torah; mentre nel Museo dei Lumi, dove un tempo c'era il forno per il pane azzimo, sono in mostra opere di artisti contemporanei (tel. 0142 71807). Anche la gastronomia tramanda usi ebraici, come la «monferrina», una pagnotta a pasta dura prodotta nel territorio, e il salame d'oca. Anche se davvero non si può prescindere di tornare a casa con la scatola di latta di Krumiri Rossi di Portinaro (via Lanza 17).

Si pranza alla trattoria Cicinbarlichin (via Mameli 34/36, tel. 0142 590669; 20 €), ma per dormire fate qualche chilometro verso le colline del Monferrato e la Locanda del Sant'Uffizio: 40 camere e suite (alcune affrescate) in un monastero del Seicento con piscina all'aperto (tel. 0141 916292; da 160 €).




Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).