Arnad

13 aprile 2011 
<p>Arnad</p>

Torna a VALLE D'AOSTA

Chi ne ha sentito parlare, di solito è un gourmand: Arnad è la patria del lardo Dop, aromatizzato con aglio, rosmarino, alloro, chiodi di garofano, cannella, ginepro, salvia, noce moscata e achillea millefoglie. I maiali mangiano solo castagne e ortaggi. Ma Arnad è anche un insieme di minuscoli villaggi tra prati, vigneti (quelli del vitigno Arnad-Monjovet) e frutteti dominati da un castello medievale e con una splendida chiesa romanica, la parrocchia di Saint-Martin.

In paese, il lardo e i salumi si comprano al supermercato dei Fratelli Laurent (tel. 0125 966580) e si assaggiano all'osteria L'Arcaden, che allestisce la tipica merenda sinoira, a base di formaggi e salumi (Località Champagnolaz 1, tel. 0125 966928; 20 €). Per smaltire, raggiungete il santuario di Machaby, a meno di due chilometri sopra l'abitato: tra gli ex voto che ne ricoprono le pareti, anche una collezione di stampelle. Potete anche cimentarvi con le scalate sulla strada per Machaby incontrate le falesie del Paretone e della Gruviera, con vie attrezzate per l'alpinismo.

Per dormire, spostatevi a Bard: l'hotel Ad Gallias ha anche una bella spa in un antico edificio, scavata nella roccia (via Vittorio Emanuele II 5/7, tel. 0125 809878; 140 €).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).