Donnas

13 aprile 2011 
<p>Donnas</p>

Torna a VALLE D'AOSTA

L'emozione? È camminare esattamente sui solchi scavati nella pietra da un carro romano 2.000 anni fa, quando la Via Consolare delle Gallie, che collegava Roma alla valle del Rodano, era molto trafficata. Difficile immaginarlo adesso, in questo angolo bucolico. Siamo a Donnas (info tel. 0125 804843), dove uno dei tratti più spettacolari dell'antica strada è scavato in uno sperone roccioso lungo 221 metri. Ricavato nella montagna anche un arco, alto quatto metri e largo tre. Nel medioevo, quando era questa l'unica porta d'accesso al borgo, veniva chiuso durante la notte.

La pietra miliare poco distante dall'arco ci dice che siamo XXXVI milia (cinquanta chilometri) da Augusta Praetoria, ovvero Aosta. A pochissima distanza, si dorme in un agriturismo ricavato in una cascina del 1700 nella piccola frazione del comune di Donnas, Lou Rosé (frazione Clapey 203, tel. 0125 804098; da 50 €). E si cena con i sapori della cucina locale nel vicino ristorante L'Enfant Prodige (via Roma 75, tel. 0125 344 261; 15€).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).