Il monte Tantané

13 aprile 2011 
<p>Il monte Tantané</p>

Torna a VALLE D'AOSTA

I Salassi erano gli antichi abitanti della valle d'Aosta, che hanno lasciato, nonostante i Romani, parecchie testimonianze della loro presenza. Una di queste è sul monte Tantané, dove si trovano i resti di capanne dell'età del ferro del II e I secolo a. C.

Per visitarlo lasciate l'auto ad Artaz e proseguite a piedi, ma prima fermatevi al laboratorio Lo Dzet: producono miele, caramelle e gelato e d'estate hanno un piccolo punto vendita sul sentiero per Chamois (tel. 349 1054820). Si costeggiano i laghi di Croux e di Charey (dove potete fermarvi per un pic-nic), e poi si arriva al Col Pilaz, un vero belvedere sulle cime del Barbeston, dell'Emilius, e dello Zerbion. Da lì si sale ancora attraverso un bosco, fino al lago di Charey, dove all'inizio dell'estate resiste un piccolo nevaio. Ancora un po' di fatica e siete in cima al Tanané, tra i ruderi del villaggio Salasso.

Per dormire, ad Antey St. Andrè fermatevi alla Maison Tissiere (Fraz. Petit Antey 9, tel. 0166 549140; da 180 €) e cenate all'agriturismo Le Jardin Fleury (puntuali, alle 19,30! tel. 329 7508762) nel circuito Saveurs du Val d'Aoste.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).