La diga di Beauregard

13 aprile 2011 
<p>La diga di Beauregard</p>

Torna a VALLE D'AOSTA

Impossibile ignorarla: è alta 105 metri e a pieno regime conteneva 70 milioni di metri cubi di acqua. Si trova a Bonne, proprio sotto l'hotel Perret, che ha un ottimo ristorante (tel. 0165 9710; menu da 30 €; camere da 72 €) e nella bella stagione si può visitare accompagnati da una guida (info@ prolocovalgrisanche.com; 3 €).

In alternativa, ci si può arrampicare lungo una delle 23 vie attrezzate sul muro. Non c'è bisogno di essere dei fenomeni: il sito è indicato anche per chi inizia e per i bambini. Negli anni Cinquanta cinque paesi sono stati evacuati e sommersi dal lago artificiale (come Beauregard e Fornet), ma oggi sono riemersi in parte, come iceberg architettonici. Diga a parte, salite anche al rifugio Epée, lungo l'Alta Via n. 2: attraverserete un bosco di larici plurisecolari. Prodotto tradizionale della Valgrisenche è il drap, un tessuto in lana realizzato su antichi telai: per tesserlo o comperarlo, c'è la cooperativa Les Tisserands.

Si dorme al b&b Maison Bovard (Loc. Gerbelle, tel. 346 0905728 o 0165 97119; da 76 €) e si mangia al Vieux Quartier, un fortino che difendeva la Valgrisanche (tel. 0165 974101; 25 €).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).