Parco del Mont Avic

13 aprile 2011 
<p>Parco del Mont Avic</p>

Torna a VALLE D'AOSTA

Un giardino alpino magnifico che è una balconata sul Monte Rosa e il Cervino: il Parco del Mont Avic esiste dal 1989 ed è una perla che preserva la natura della medio-alta valle del Torrente Chalamy dal turismo di massa: 30 specchi d'acqua, torbiere e foreste di pini uncinati e silvestri, larici e faggi. Ma non solo: oltre 1.100 specie di farfalle, stambecchi, aquile reali, pernici bianche, coturnici, camosci vivono in un ambiente pressoché incontaminato. Potete visitarlo a piedi, d'estate, o con le racchette da neve in compagnia di una guida (anche di notte), prenotandovi all'associazione Namastè (tel. 335 7598403).

Per dormire, l'hotel Parc Mont Avic è a 50 metri dal centro visitatori (loc. Covarey 19 Champdepraz, tel. 0125 960413; 70-90 €). Per mangiare, a Champorcher lo Skiman Gontier cucina piatti valdostani tradizionali, ma rivisitati (fraz. Chardonney 87, tel. 0125 376000; 25 €). Durante le escursioni estive, comprate all'alpeggio di Prà Oursie la fontina di montagna e la brossa, ovvero la crema di latte fresca da mangiare appena fatta con la polenta.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).