Da qui si vede la Corsica

03 aprile 2011 
<p>Da qui si vede la Corsica</p>

Torna a VALLE D'AOSTA

EDDY OTTOZ, atleta.
Nato 66 anni fa a Mandelieu-la Napoule da emigrati valdostani, è stato due volte campione europeo nei 110 metri ostacoli. Ha tre figli: Pilar, Laurent e Patrick.

La Valle d'Aosta è una meravigliosa oasi naturale. Per i paesaggi, le vallate, i castelli e, soprattutto, per l'irripetibilità dei suoi monti che chiudono l'orizzonte. E gli orizzonti chiusi danno sicurezza. Direi che le montagne sono un po' come le nostre madri: severe. Ci amano ma ci educano senza pietà, ci abituano al rischio ma non ammettono errori».

UN LUOGO MAGICO «Ci sono posti particolari, mistici e suggestivi che danno forti vibrazioni. Uno è il santuario di Machaby, uno dei più antichi, che si trova in un vallone a circa 700 metri tra boschi di castagni. Un altro è l'eremo di San Grato, appoggiato sopra l'abitato di Peroulaz, che si raggiunge con una bella passeggiata tra foreste e meravigliosi panorami. Con i suoi prati, in posizione appartata, sorprende l'antico cimitero del borgo Sant'Orso che sembra un angolo d'Inghilterra nel centro di Aosta. Purtroppo non è sempre visitabile».

IN CIMA AL MONDO «Quando ti trovi sulla punta del Monte Bianco ti sembra proprio di essere sul tetto del mondo e gli altri monti appaiono molto più bassi di quanto non siano in realtà. Quando il tempo è bellissimo, si riesce a vedere la Corsica. La vetta si raggiunge a piedi camminando un certo numero di ore, meglio dal versante francese perché è più facile».

IL LUOGO DEL CUORE «Sicuramente il Colle del Piccolo San Bernardo, il passo alpino che collega il vallone di La Thuile, con la Val d'Isère. È l'antica frontiera tra Italia e Francia. Ci ho passato tutte le mie estati dai 4 ai 16 anni e sperimentato tutto ciò che un bambino e un ragazzo può fare in montagna. E io ne conosco tutti i buchi, tutte le pietre, tutti gli animali. Notevole è il Cromlech complesso megalitico, luogo di culto appartenente alla cultura celtica».

UNA SERATA DIVERSA «Le Moulin des Aravis è un agriturismo nato dalla ristrutturazione di un vecchio mulino e una segheria. Mi piace per la sua atmosfera rustica e per il cibo: qui i piatti della tradizione sono veramente ben fatti. È l'ideale per una serata tra amici passata a cantare, chiacchierare, litigare e fare la pace. Per dormire, un buon indirizzo è l'hotel Bellevue, un'antica e raffi nata dimora di montagna che non ha una stanza uguale all'altra. Affacciatevi alla finestra: davanti a voi, il Gran Paradiso».

UN DIPINTO DA VEDERE «La Bataille de Reines di Italo Mus, un pittore morto a metà del secolo scorso. La Battaglia delle Regine rappresenta una delle tradizioni millenarie di questa regione: è un combattimento, ma senza cattiveria cattiveria, tra mucche. La finale si svolge la terza domenica di ottobre alla Croix Noire, un'arena alla periferia di Aosta che può ospitare fino a ottomila persone».

TUTTO SULLE ALPI «La realtà museale più interessante è il Forte di Bard. Fatto costruire da casa Savoia, è stato una fortezza di sbarramento nell'Ottocento e ora è la sede del Museo delle Alpi, che racconta le montagne attraverso diorami, video e altre installazioni multimediali, in grado di stupire ed emozionare».

L'ORRIDO «Il ponte acquedotto di Pondel del 3 sec. a.C. è uno dei monumenti romani più belli e meglio conservati. Con un solo arco, di oltre 14 metri di diametro, scavalca da oltre duemila anni l'impressionante orrido scavato dal torrente Grand Eyvia».

UNA PASSEGGIATA INDIMENTICABILE «Dal lago Verney, si sale a Miravidi e si continua fino a Col Lechaud. Da lì si scende fino a Courmayeur. E si può dire di avere fatto un giro in un altro mondo».

GLI INDIRIZZI DI EDDY

Eremo di San Grato ai margini della foresta, a 1.773 metri sopra l'abitato di Peroulaz
Le Moulin Des Aravis frazione Savin 55, Pontboset (Ao), tel. 0125 809831, 329 8013184
Hotel Bellevue rue Grand Paradis 22, Cogne (Ao), tel. 0165 74825
Forte di Bard 11020 Bard, tel. 0125 833811

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).