Do spade di Casanova

09 aprile 2011 
<p>Do spade di Casanova</p>

Torna a VENETO

CARMELA CIPRIANI, scrittrice e avvocato. 
Autrice di libri per bambini, alla sua città ha dedicato il romanzo Dichiarazione d'amore a Venezia (Sperling & Kupfer).

 

«Mi piace la Venezia che sa di pasta e fagioli, densa e morbida. La mia città è fragile. La amo soprattutto di notte. C'è un punto particolare che si chiama Ponte della Piavola dove si ha la sensazione che l'acqua abbia la consistenza dell'olio e che ti stai affacciando sull'abisso. Venezia non esisterebbe senza i bacari, le nostre osterie, poco appariscenti, spesso riconoscibili per un'insegna che ricorda un fatto, un luogo o un oggetto. A Rialto vado alla Cantina Do Mori (San Polo 429) e alla Do Spade (San Polo 860), dove si versano ombre fin dai tempi di Casanova.

A due passi dal mercato dove si vende il pesce più fresco di Venezia, una delle più apprezzate è l'Ostaria Antico Dolo (Ruga Rialto 778), amata dalle massaie, che a metà mattina si fanno un piatto di tripa rissa, la nostra trippa bollita con gli aromi in campo San Giacometto, a due passi dal ponte di Rialto accompagno gli amici al Bancogiro dove ci si può anche sedere all'aperto. Tra i ristoranti che amo c'è la Trattoria Antiche Carampane (San Polo 1911, tel. 041 5240165).

Per comprare una giacca, vado da Fiorella Gallery, in campo Santo Stefano. Eccentrico, originale, trasgressivo, è una galleria tra gotico e pop. La Camiceria San Marco ha le più belle camicie d'Italia (Corte Barozzi 2137). Per i gioielli Attilio Codognato reinventa la nostra tradizione con acquemarine, ambre, avori, giade, coralli (piazza San Marco 1295). Da non perdere, anche se non vi interessano i paralumi, è il unegozio delle sorelle Angela e Rita Greco (San Marco in Ponte Ostreghe 2433). Un ospite? Gli suggerisco Ca Maria Adele, un piccolo hotel raffinato (Dorsoduro 111, tel. 041 5203078)».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).