Veneto: i borghi segreti

04 aprile 2011 
<p>Veneto: i borghi segreti</p>

Torna a VENETO

FELTRE A cavallo sul Grappa
Da luglio a ottobre, venite alle porte del Parco Nazionale delle Dolomiti bellunesi: la rassegna I Palazzi del potere ogni domenica svela luoghi segreti del borgo, come il Museo di ferri battuti di Carlo Rizzarda l'Oratorio dell'Annunziata, palazzi nobiliari come il Tomitano o il Teatro de la Sena con il loggiato palladiano. E ancora, passeggiate nella Riserva di Cellarda, fra daini, cervi e aquile, e le escursioni a cavallo di Giuseppe di Palma (tel. 0439 2407) e del Centro Ippico La Terrazza, che portano fino alla cima del Grappa.

Mangiare Alla locanda A L'arte, gnocchi di ricotta e carrè di cervo all'anice stellato (via Belvedere 43, S. Gregorio nelle Alpi, tel. 0437 800124; 30 €).
Dormire
Hotel Doriguzzi, a due passi dalla piazza centrale (viale Piave 2, tel. 0439 2902; 70 €).

 

BORGHETTO Il senso di Visconti per le ninfee
25 km da Verona e 25 da Mantova, e la Lombardia a meno di uno. Dove fi nisce la collina e inizia la pianura, c'è Borghetto, minuscola frazione di Valeggio sul Mincio. Un pugno di case, anzi mulini, riconvertiti in relais e ristorantini che nella terza settimana di giugno si trasferiscono per una notte sul Ponte Visconteo che porta a Valeggio, 650 metri che diventano un'unica tavolata per la Festa del Nodo d'Amore, i tortellini tipici (tel. 045 7951880; menu 65 €). Si comprano al Re del tortellino (via S. Rocco 25) e da Remelli (via Sala 24). A due passi, il Parco Sigurtà (via Cavour 1), dove fra laghetti di ninfee e aiuole Luchino Visconti girò Senso.

Mangiare Al Ristorante Alla Borsa (via Goito 2, tel. 045 7950093; 30 €), e alla trattoria La Lepre (via Marsala 5, tel. 045 7950011; 30 €), per i nodi d'amore e la cacciagione.
Dormire La finestra sul fiume, mulino del Quattrocento (vicolo Corte Sega 2, tel. 045 7950556; 130 €).

Montagnana

MONTAGNANA Venezia sulla rocca
Un condensato di storia e arte chiusa in 2 km di mura con 24 torri e due porte fortifi cate, Castel San Zeno e la Rocca degli Alberi. Dentro le mura, case dall'architettura veneziana che sembrano scorci di Canal Grande, con pentafore e fi nestre gotiche come quelle di Palazzo Magnavin-Foratti. In piazza Vittorio Emanuele II, cuore del borgo, il quattrocentesco Duomo di Santa Maria Assunta, e poco distante una tappa che racconta una delle eccellenze gastronomiche venete, il Prosciuttifi cio Soranzo. Qui si degusta il crudo dolce Berico-Euganeo, celebrato a maggio in un weekend di festa. Ma Montagnana è soprattutto la città del Palio a cavallo, della prima domenica di settembre, e dello splendore di Villa Pisani, capolavoro del Palladio patrimonio Unesco.

Mangiare All'Hostaria A la Rocca, dove in estate si pranza in una piazzetta verde. Il piatto della casa sono i garganelli con verdure e crudo di Montagnana (piazza Martiri Della Libertà 18, tel. 0429 804199; 25 €).  
Dormire
Dentro le mura, all'Hotel Aldo Moro, in  un palazzo storico con 34 camere dagli arredi in stile e ristorante con piccolo dehors (via G. Marconi 27, tel. 0429 81351; 100 €).

 

PORTOBUFFOLÈ Borgo di dogi, santi e pescatori
Il primo a citare Portus Liquentiae fu Tito Livio nel I secolo d.C., che lo defi nì un modesto insediamento di pescatori e agricoltori. A distanza di duemila anni, il borgo ha il volto elegante di palazzi nobiliari veneziani, in gran parte risalenti al XIII-XIV secolo: si entra in paese dal Ponte di Porta Trevisana, che introduce a piazza Beccaro e a Ca' Soler, ricca di pitture e stemmi, e a Casa Gaia, dimora di quella Gaia da Camino citata da Dante nel Purgatorio. A pochi passi dal borgo, c'è la Chiesa di San Rocco con la Madonna della Seggiola, una scultura lignea del 1524, l'Oratorio di Santa Teresa progettato dai Cellini, e Villa Giustinian, immersa in un vasto parco all'italiana, che nei suoi saloni affrescati dalla scuola del Veronese dal 1695 in poi ha ospitato dogi, principi, capi di stato e personalità di ogni epoca.

Mangiare Locanda La vecchia dogana (piazza Vittorio Emanuele II 12, tel. 0422 816049; da 30 €).
Dormire
35 camere e suite e piscina: Villa Giustinian è aperta per visite anche ai non ospiti (tel. 0422 850244; da 138 €).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).