Mi ha regalato la libertà

15 giugno 2011 
<p>Mi ha regalato la libertà</p>
PHOTO TANIA A3 - CONTRASTO

Torna a BASILICATA

CARMEN LASORELLA giornalista
Nata a Matera 56 anni fa, dopo 20 anni in Rai è direttore generale di San Marino RTV.

 

«Sono lucana, sono cresciuta in una terra di mezzo tra Puglia, Campania e Calabria, che hanno condiviso la storia ma sono rimaste diverse. Nel meteo, spesso, accanto a Potenza ci sono due trattini: temperature non pervenute. Ma non è questa la differenza: mio padre mi ha insegnato che la povertà si misura senza il denaro e che il rispetto devi conquistartelo. Era una terra senza mafia, povera e onesta. A me ha regalato la libertà. E nessuna discriminazione: una femminuccia poteva scorrazzare sulla moto, accedere ai libri e perfino in officina con gli amici, a costruire una dune buggy special, finanziata dai risparmi e dalla fantasia. Il limite era il rispetto degli orari e una telefonata».

Le radici «Quando torni da adulta nella tua terra, i luoghi dell'adolescenza sembrano scomparsi. Trovi i coetanei che sono cambiati, gli affetti. Ma su per strade inerpicate tra i boschi, dove ti accoglievano famiglie contadine, incontri nuovi posti: verso il Pantano, non lontano da Potenza, un amico ha aperto La fattoria sotto il cielo. La pizza buona si mangia al Ponte delle tavole, nella stessa zona, mentre i piatti della tradizione in cima alla Sellata. E vicino alle piste da sci, c'è la Baita per la pasta fatta in casa e il Boscaiolo per le braciole».

Aquila reale «Le emozioni forti le vivi sul Pollino. Dall'alto il mare, intorno, tra le conifere, giganti pietrificati: sono i pini loricati, la corteccia grigia, levigata, il tronco contorto, che sale per trenta metri, che resiste al vento per centinaia d'anni. Se ti accordi con le guardie forestali, scopri tra i sentieri bordati di fiori le tracce del capriolo e del gatto selvatico, ti spiegano che quel rumore è il becco del picchio, che può essere rosso, verde o nero e c'è anche il nibbio e l'aquila reale. Con loro puoi spingerti oltre i duemila metri. Il pranzo, tornati a valle, è al Picchio Nero con i ferrazzuoli al ragù di cinghiale e il finocchietto selvatico».

A due passi dal cielo «Il mare lucano è a destra e a sinistra del massiccio del Pollino, poche decine di chilometri di costa sullo Jonio e ancora meno sul Tirreno. La perla è Maratea. Da qualunque parte arrivi ti abbraccia il Cristo Redentore. La statua è alta più di venti metri sul ciglio della rupe, con le braccia spalancate e il viso rivolto alla terra, per proteggerla. Il verde è intenso e arriva all'acqua, acqua fantastica, fresca nei riflessi, da preservare».

La nostra storia «Nella Foresta Grancìa vedrai un film dal vivo con almeno quattrocento comparse: nelle sere d'estate, il palcoscenico è un vasto pianoro con alle spalle le montagne. Uno spettacolo pieno di effetti speciali, di buona musica, ma soprattutto la storia dei briganti nel risorgimento. La Storia Bandita, uomini e donne che avevano perduto, ma che centocinquant'anni dopo stanno ritrovando giustizia».

Emozione totale «Tra le vette di Castelmezzano e Pietrapertosa, a 400 metri di altezza, si può correre (imbragati) su un cavo d'acciaio di un chilometro e mezzo. Il viaggio è sicuro, ma l'emozione è forte: rocce di granito, le Dolomiti lucane e un lungo canyon».

Piccoli borghi «Lungo la Valle del Basento, sulle colline laterali si succedono paesi bianchi per i muri tirati a calce. Da Grassano si parte per una gita a cavallo guidati dal sindaco, che di mestiere fa il medico».

I Sassi «La prima visita ai Sassi di Matera l'ho fatta a 24 anni con Mario Luzi, che in seguito mi dedicò una bella poesia. I Sassi sono due, il Barisano e il Caveoso scavati nel tufo della Gravina di Matera. Patrimonio Unesco e della città, con palazzi, chiese, labirinti sotterranei, botteghe e nuovi locali: ce n'è per tutti i gusti».

GLI INDIRIZZI DI CARMEN

La fattoria sotto il cielo contrada Petrucco 9A, Pignola (Pz), tel. 0971 486000
Ristorante Pizzeria Ponte delle tavole contrada Ponte delle Tavole, Pignola, tel. 0971 420181
Ristorante Baita località La Sellata, Abriola (Pz), tel. 0971 722996
La Taverna del boscaiolo contrada Arioso 10, Pignola, tel. 0971 420219
Ristorante Picchio Nero via Mulino, Terranova di Pollino (Pz), tel. 0973 93170

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).