Calimera (LE)

20 giugno 2011 
<p>Calimera (LE)</p>

Torna a PUGLIA

 

A Calimera, in Salento, qualche turista tenta di rispolverare il greco antico scolastico e di conversare, a colpi di aoristi, con qualcuno. Tentativo vano, almeno quanto quello di parlare latino con un romano (anche se qualche parola la si indovina). È uno dei comuni della Grecìa salentina, tra Maglie e Lecce. Vi è ancora diffuso il griko, un idioma (guai a chiamarlo dialetto) che deriva da quello usato all'epoca della Magna Grecia. Calimera (Buongiorno, nella lingua di Atene) ne è il cuore: nei giardini pubblici è «nascosta» una stele del IV secolo a.C., donata nel 1960 da Atene, come simbolo della comune origine. Un tempo si parlava griko in venticinque paesi, oggi sono nove: oltre Calimera, Corigliano, Castrignano dei Greci, Martano, Martignano, Melpignano, Soleto, Sternatia e Zollino.

 

Ai margini della Grecìa, a Borgagne, c'è Bosco di Makyva (strada comunale Bosco Coppola, tel. 0832 811002; 80-135 €). La trattoria Olo Kalò (in griko Tutto buono) di Corigliano d'Otranto offre ottimi piatti (via Umberto I 5, tel. 0836 471004; 25 €).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).