Egnazia (BR)

20 giugno 2011 
<p>Egnazia (BR)</p>

Torna a PUGLIA

 

«Per chi naviga da Brindisi lungo la costa adriatica, Egnazia è lo scalo normale per raggiungere Bari, sia per mare che per terra». L'indicazione non è di una guida turistica ma di Strabone, geografo greco vissuto tra 58 a.C. e 28 d.C. Citata anche da Plinio e Orazio, fino all'Ottocento di questa città - nei pressi di Fasano (Brindisi) - si era persa quasi la memoria; e quel che ne restava era coperto dalla vegetazione. Egnazia era un centro, prima della conquista romana, dei Messapi o dei Peucezi.

Famosa, nel IV e III secolo a.C., per le ceramiche. Oggi si possono visitare gli scavi. È uno dei più interessanti siti archeologici della Puglia: sembra un pezzo di Pompei trapiantato nel tacco d'Italia. Si può visitare il parco archeologico: una parte della città è visibile, un'altra s'intravede, sommersa dal mare. Il Museo è all'esterno delle mura di cinta.

Per mangiare e/o dormire c'è la Masseria Parco di Castro (SS 16 km 868,400, tel. 080 4810944; 65-80 € mezza pensione a persona, solo pasto 25 €).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).