Monte Arcosu (CA)

20 giugno 2011 
<p>Monte Arcosu (CA)</p>

Torna a SARDEGNA

 

Più piccolo, più scuro, perfino più timido dei suoi confratelli, il cervo sardo ha sempre fatto di tutto per sfuggire dalla ribalta. Eppure è il protagonista di ogni escursione tra le foreste del Sulcis e del Campidano. Lo scorso anno, solo nella riserva naturale del Monte Arcosu gestita dal WWF, ne sono stati censiti 1.200 esemplari (tel. 347 3463546, ilcaprifoglio.it). Spesso sbucano dal folto della vegetazione che avvolge gli 80 km di sentieri a disposizione degli escursionisti. L'ambiente selvaggio ha fatto di quest'angolo di Sardegna a una ventina di km da Cagliari una meta molto amata anche dagli sportivi.

Poco distante dal Monte Arcosu, per esempio, si va in mountain bike sugli sterrati di Is Cannoneris, dove si distende la più vasta foresta di lecci europea. Comodo, per la notte, l'Hotel Monte Arcosu (loc. Is Begas, tel. 070 969291; 55 € in mezza pensione). Per una cena rustica vale la pena di provare il cinghialetto cucinato da Is Truiscus di Teulada (loc. Su Mendulau, tel. 347 5772248; 26 €).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).