Aidone (EN)

20 giugno 2011 
<p>Aidone (EN)</p>

Torna a SICILIA

 

Cinque buoni motivi per andare (o tornare) a Piazza Armerina. Il primo è l'apertura di una nuova area della Villa del Casale: si tratta della basilica laica nella quale il proprietario di questa sontuosa residenza riceveva i suoi ospiti, amministrava il suo latifondo e faceva affari. Secondo motivo, la ristrutturazione dei mosaici della dimora, tornati ad avere colori vividi e brillanti. Terzo, la visita al vicino sito di Morgantina, con un'agorà che vale il soprannome di «Pompei di Sicilia». Quarto, uno stop al borgo medievale di Aidone, dal cui belvedere si gode di scorci meravigliosi fino all'Etna.

Ma soprattutto l'eccezionale esposizione permanente nel Museo Archeologico di Aidone (via Torre Trupia, tel. 0935 87307), arricchito da maggio dall'arrivo della «Venere» di Morgantina. Una statua alta più di 2 metri, che per 30 anni è stata fra i pezzi più prestigiosi del Getty Museum di Los Angeles. E insieme alla «Demetra» - questa la probabile giusta interpretazione della statua - sono tornati di recente dal Met di New York anche 13 preziosi pezzi d'argento datati IV a.C.

In zona, c'è il Ristorante Vecchia Aidone (via Cordova 88, tel. 0935 87863; 25 €), con un piccolo déhors e piatti come pasta alla norma e grigliate di agnello e carciofi con patate al forno. Per la notte, si va a 1 km da Piazza Armerina, all'agriturismo Torre di Renda, ex sede vescovile con 19 camere e piscina (contrada Torre di Renda, tel. 0935 686937; da 70 €).

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).